Colpo di scena nella diatriba che vede Kevin Spacey accusato di abusi sessuali. Secondo gli atti del tribunale ottenuti da Page Six del New York Post, il massaggiatore che ha citato in giudizio l’attore è morto.

Gli avvocati di Spacey hanno presentato al tribunale federale che segue il caso una 'notifica che annota la morte del querelante' sostenendo di essere stati informati l'11 settembre che il terapista 'è deceduto di recente'.

Il processo civile si sarebbe svolto il prossimo giugno.

'Non sono state fornite ulteriori informazioni o dettagli al legale del signor Fowler (Kevin Fowler, vero nome di Kevin Spacey, ndr). Ma il legale del querelante ha dichiarato che intendeva informare la Corte con ulteriori informazioni in un futuro momento opportuno', si legge nel dossier.

Il massaggiatore affermò di essere stato attaccato dall'attore due anni fa durante un massaggio privato a Malibu, in California: il 60enne avrebbe presumibilmente afferrato due volte la sua mano portandola verso i suoi genitali. Sembra che l’attore abbia anche cercato di baciarlo e di toccarlo in modo inappropriato chiedendogli di compiere un atto sessuale.

A quel punto, secondo quanto riferito, l'uomo è fuggito dalla stanza.

La causa potrebbe comunque essere impugnata dagli eredi della presunta vittima.

Kevin era stato accusato anche da un cameriere di un ristorante a Nantucket ma il processo è stato annullato lo scorso luglio quando i procuratori del Massachusetts hanno lasciato cadere le accuse di molestie sessuali e aggressione.

Da quando è finito al centro del versante gay dello scandalo delle molestie sessuali a Hollywood, oltre 30 uomini hanno accusato Spacey tra Usa e Regno Unito.

LATEST NEWS