Tra Brad Pitt e Harvey Weinstein è scoppiato un acceso litigio all’epoca della relazione tra il sex symbol di Hollywood e Gwyneth Paltrow.

L’attrice premio Oscar era finita tra le grinfie del potente produttore cinematografico, notoriamente accusato da molte donne di stupro, molestie e ricatti a sfondo sessuale.

Corso in difesa dell’allora fidanzata, Brad ha ricordato l’episodio, risalente alla metà degli anni Novanta, durante un’intervista con Christiane Amanpour per la CNN, a cui ha raccontato di aver trattato l’ex boss della Miramax come un 'bullo da parco giochi'.

'All’epoca, ero un ragazzino che veniva da Ozark, dal parco giochi. Ed è stato proprio quello il modo in cui ci siamo confrontati', ha dichiarato il 55enne.

Ozark è una regione degli Stati Uniti tra il Missouri, l’Arkansas e l’Oklahoma, dove Brad è cresciuto.

'Volevo solo essere sicuro che non sarebbe più successo nulla del genere, perché lei (Gwyneth) da lì a poco avrebbe girato due film - ha spiegato Pitt -. Finalmente oggi, dopo una lunga attesa, Hollywood nello specifico è diventato un luogo di lavoro in cui le dinamiche tra uomini e donne si stanno ricalibrando in un modo molto positivo. E penso che sia una storia importante da raccontare'.

Weinstein ha negato la versione di Gwyneth. Oggi, il 67enne è atteso dal processo per stupro, che inizierà a gennaio presso la Corte di Manhattan. Se ritenuto colpevole, rischia di trascorrere il resto della sua vita dietro le sbarre.

LATEST NEWS